Un corpo immobile e una mente in movimento


Dott.ssa Elisa Rigoni

Dal 2019 lavoro come Psicologa presso l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale  Amiotrofica AISLA, sezione di Cremona.  

Durante il colloquio di selezione ho comunicato che stavo frequentando la Scuola di  Specializzazione basata su un approccio di Analisi Immaginativa, che agli occhi della  selezionatrice risultava poter essere efficace in un percorso di cura psicoterapeutico per  persone colpiti da una patologia fisica a prognosi infausta, come la Sclerosi Laterale  Amiotrofica, che provoca una paralisi muscolare progressiva, coinvolgendo la capacità di muoversi, di parlare, di deglutire e di respirare.  

In questa condizione se la persona ha una scarsa elaborazione, con poche capacità  introspettive, espressive e di insight, può vivere l’insorgenza della malattia come  un’esperienza drammatica, al punto da compromettere l’integrità di sé, fino ad una  condizione di estrema fragilità. E’ costretta, infatti, a riorganizzare l’immagine di sé,  del proprio corpo e delle relazioni con l’ambiente e a dover fare i conti con una  condizione dal decorso imprevedibile e a sostenere sintomi fisici di notevole  importanza, accompagnati da vissuti di rabbia, paura, angoscia, vergogna e senso di  colpa in particolare verso il familiare. 

La SLA, infatti, è un evento critico che non colpisce solo chi ne porta i segni sul proprio  corpo, ma tutta la famiglia, che si trova costretta a fronteggiare il disagio personale,  relazionale e organizzativo che da essa deriva. In particolare ad essere leso è il  caregiver, in cui si riscontra affaticamento fisico e mentale, non solo per l’elevato  carico assistenziale da sostenere, ma anche per il dolore, la paura e il senso di  impotenza, aggiunti magari a rivendicazioni radicate nel tempo o sensi di colpa che  durano da anni. Inoltre, il perdurare della cura e la frequente presenza dei sanitari  interrompono l’intimità familiare e trasformano l’ambiente fisico, i ritmi di vita e il  clima all’interno della casa. La malattia impone, quindi, all’intera famiglia una  riorganizzazione e un riadattamento concreti e simbolici, a seguito dei cambiamenti  pratici, affettivi ed esistenziali che la malattia porta con sé.

Da tali premesse è nata la scelta di un intervento psicoterapeutico per queste persone,  laddove le condizioni cliniche lo permettono, basato sull’Analisi Immaginativa, in cui  gli elementi fondamentali del lavoro terapeutico sono: l’esperienza emotiva, arricchita  da un linguaggio non solo verbale, ma anche del corpo e delle immagini e la Rêverie, 

intesa come quella capacità del terapeuta che abbandona “memoria e desiderio” e si  predispone in un atteggiamento ricettivo e intuitivo con il proprio inconscio,  disponendosi alla fantasticheria ad occhi aperti, all’immaginazione, al sogno,  all’intuizione per poter far risuonare e rappresentare in se stesso le immagini e gli input  del paziente (Bion, 1992). 

Nel terapeuta in stato di rêverie affioreranno, così, immagini visive, ma anche  rappresentazioni acustiche o di altri registri sensoriali, più o meno organizzate, da  semplici flash istantanei a sequenze narrative di varia durata. Così facendo coglie,  sogna e trasforma, consentendo alla persona la ricostruzione della trama della sua  storia, la tessitura dell’esperienza frammentata e il recupero della sua identità  integrandola con quella attuale.  

Nel caso clinico presentato nella mia tesi di specializzazione ho ripercorso tutte le mie  rêverie, le immagini nate improvvisamente dalle parole della coppia che ho seguito; parole che di fronte ad un corpo immobile e ad una relazione bloccata, mi hanno  guidata a sintonizzarmi con il mio, il loro inconscio e verso la relazione. Ho  immaginato al posto della coppia, nel momento in cui mi disponevo ad iniziare  l’incontro in una comunicazione molto intima, a vivere il clima emotivo della seduta e  quando mi avvicinavo al loro. Per ultimo l’ho fatto dando ai capitoli i nomi delle  immagini della loro vita passata, adattandole a quella che è la loro vita attuale. 

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta <a href="https://www.aisla.it/cookie-policy/">questa pagina</a>.</p><p style="margin-top:-5px;">Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina.

Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi