La Giornata della Memoria: un “viaggio” per ricordare

Fonte: LEDHA
E’ il 27 gennaio, Il Giorno della Memoria, lo sguardo di Andrea, mio figlio, è perplesso quando gli propongo di venire con me nel 1935.
“Ma come, cosa ci vengo a fare, sono nato nel 2006?”, lo rassicuro che comprenderà e allo stesso tempo gli chiedo fiducia. Non mi soffermo sulla sua legittima domanda, proseguendo e muovendo la leva del tempo. La prima di una delle maledette date che le persone con disabilità devono ricordare è il 18 ottobre 1935, giorno nel quale il governo di Hitler emana la legge sulla salute coniugale.
Divieto ai matrimoni e alla procreazione tra e con persone affette da otto patologie tra cui la mia, la settima: grave deformità fisica ereditaria. Il primo atto che diede inizio a una campagna di sterilizzazione e uccisione dei bambini disabili, che partorì il tristemente famoso Progetto T4, responsabile della morte solo in Germania di oltre 70.000 persone adulte con disabilità.
A un certo punto mi interrompe e mi dice “Cosa centro io con tutto questo?”
Evito di rispondere direttamente e di getto, consapevole di uno scenario ancora troppo impegnativo per lui, penso che sarebbe stato troppo facile rispondere che se l’Uomo avesse continuato nel suo processo di ricerca della perfezione e della eugenetica, oggi forse io non ci sarei stato, e quindi nemmeno lui.
Quindi con più calma gli dico che le cose che ha studiato e studierà sulla seconda Guerra Mondiale sono fatti terribili che hanno causato milioni di morti e che la bomba atomica è stato l’apice di come tutte le guerre siano crudeli.
Ma l’Olocausto e in particolare la Shoà, è qualcosa di diverso per la storia dell’umanità, è stato il tentativo di cancellare intere categorie di persone, tra cui anche le persone con disabilità, una prima e autentica desolazione della Vita.
Più che un fatto storico dobbiamo considerarlo uno spartiacque fra epoche, cioè qualcosa di memorabile che ha creato nell’umanità un prima e un dopo.
L’Uomo in quel periodo pensava di aver raggiunto il culmine del progresso, nelle scienze, nella filosofia, nell’organizzazione economica e accecato dal proprio potere, ha dimenticato quanto fosse importante distinguere tra il Bene e il Male.
L’Olocausto è stato l’Evento che ha fatto capire all’uomo che la sua libertà di scegliere è fondamentale per la Vita di tutti noi, abbiamo compreso flagellando la nostra anima che il Male è limitante, esclusivo e capace di creare ingiustizie e sofferenze eterne, invece il Bene è illimitato, inclusivo, portatore di uguaglianza e solidarietà.
Non possiamo quindi permetterci di vivere dopo l’Olocausto senza assumerci la responsabilità sconfinata di aver capito che noi uomini possiamo sopravvivere su questa terra solo cercando di aiutarci l’uno con l’altro. Se è vero che siamo figli di quel Bene che ha sconfitto l’Odio abbiamo il dovere di continuare a ricordare; solo coltivando la Memoria in tutte le generazioni presenti e future sarà possibile scongiurare il Male.
 Alberto Fontana
 
 

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta <a href="https://www.aisla.it/cookie-policy/">questa pagina</a>.</p><p style="margin-top:-5px;">Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina.

Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi