BrainStorm ha annunciato i risultati finali dello studio sulla SLA di fase 3 NurOwn®

Lo studio clinico non ha soddisfatto la significatività statistica nell’endpoint primario di efficacia.

NurOwn® ha mostrato in un sottogruppo pre-specificato un trend non significativo di risposta al trattamento rispetto al placebo. Le analisi dei biomarcatori del CSF hanno confermato che NurOwn ha determinato un aumento statisticamente significativo dei fattori neurotrofici e una riduzione dei biomarcatori neurodegenerativi e neuroinfiammatori

Fonte: PRNewswire 

NEW YORK, 17 novembre 2020 – BrainStorm Cell Therapeutics, uno dei principali sviluppatori di terapie con cellule staminali adulte per malattie neurodegenerative, ha annunciato oggi i risultati dello studio di fase placebo-controllato randomizzato in doppio cieco –  – che ha valutato NurOwn® (cellule MSC-NTF) come trattamento per la sclerosi laterale amiotrofica (SLA). I risultati dello studio hanno mostrato che NurOwn® è stato generalmente ben tollerato in questa popolazione di pazienti  SLA in rapida progressione. Pur mostrando, tra gli endpoint primari e secondari, un miglioramento numerico nel gruppo trattato con il farmaco rispetto a quello a cui è stato somministrato il placebo, lo studio non ha raggiunto risultati statisticamente significativi.

La verifica dell’endpoint primario (un miglioramento di 1,25 punti al mese secondo i criteri della scala di valutazione funzionale della SLA(ALSFRS-R) nella fase post-trattamento.) è stato raggiunto nel 34,7% dei partecipanti a NurOwn rispetto al 27,7% per il placebo (p = 0,453). Pertanto, lo studio ha soddisfatto l’ipotesi di risposta di efficacia del gruppo di trattamento NurOwn attesa del 35%, ma è stato eguagliato dall’elevata risposta al placebo. Stesso esito anche per l’endpoint secondario di efficacia che misura la variazione media del punteggio totale dell’ALSFRS-R dal basale alla settimana 28: il risultato è stato -5,52 con NurOwn rispetto a -5,88 con placebo, una differenza di 0,36 (p = 0,693).

Lo studio di FASE 3 ha preso in considerazione anche un sottogruppo pre-specificato con malattia in fase precoce sulla base del punteggio basale ALSFRS-R ³ pari 35: NurOwn avrebbe dimostrato una risposta al trattamento clinicamente significativa attraverso gli endpoint primari e secondari chiave ed è rimasto coerente con le ipotesi pre-trial. In questo sottogruppo, il 34,6% dei responder che hanno soddisfatto la definizione dell’endpoint primario con NurOwn e il 15,6% con Placebo (p = 0,288) e la variazione media dal basale alla settimana 28 del punteggio totale ALSFRS-R è stata -1,77 su NurOwn e – 3,78 su Placebo (p = 0,198), un miglioramento di 2,01 punti ALSFRS-R a favore di NurOwn.

Le analisi dei biomarcatori del liquido cerebrospinale (CSF) hanno confermato che il trattamento con NurOwn ha determinato un aumento statisticamente significativo dei fattori neurotrofici e una riduzione dei biomarcatori neurodegenerativi e neuroinfiammatori che non è stata osservata nel gruppo di trattamento con placebo. 

La dottoressa Merit Cudkowicz – professore di neurologia Julianne Dorn presso la Harvard Medical School, direttore dell’Healey Center for SLA, presidente di neurologia presso il Mass General Hospital – uno dei principal investigator dello studio ha dichiarato: “Abbiamo trovato una risposta clinicamente significativa in un gruppo predefinito di pazienti (maggiore o uguale a 35 ALSFRS-R al basale). Un cambiamento nella pendenza pre e post trattamento di 1,25 o più è sostanziale e clinicamente importante. Data l’eterogeneità della SLA, non sorprende che la misurazione dell’effetto del trattamento possa essere influenzata dalla gravità della malattia, compreso il comportamento dei tassi di progressione della malattia all’estremità inferiore della scala. È importante esplorare a fondo questo risultato. Inoltre, è stato osservato che NurOwn potrebbe avere effetti biologici con importanti cambiamenti nella malattia pre-specificata e nei biomarcatori correlati ai farmaci “.

“La FDA esaminerà i dati per vedere se c’è un percorso da seguire per supportare l’approvazione” ha affermato Chaim Lebovits, amministratore delegato di BrainStorm. 

Vorremmo ringraziare sinceramente i pazienti, le loro famiglie e gli operatori sanitari, i ricercatori e il personale che hanno partecipato a questo studio, poiché la loro dedizione e il duro lavoro hanno consentito il completamento puntuale dello studio nonostante la pandemia COVID-19 in corso. Voglio anche ringraziare il California Institute for Regenerative Medicine (CIRM) per il loro enorme supporto per la conduzione di questa sperimentazione “.

Ralph Kern MD MHSc, Presidente e CMO di Brainstorm., ha commentato: “Oltre agli impegni scientifici pianificati, i campioni biologici di questo studio saranno condivisi attraverso il biorepository NEALS per consentire ulteriori sforzi di scoperta scientifica. Vogliamo ringraziare i nostri partner, I AM ALS e ALSA, che hanno gentilmente sostenuto lo studio sui biomarcatori“.

Il prof. Andrea Calvo, Dipartimento di Neuroscienze “Rita Levi Montalcini” Università degli Studi di Torino AOU Città della Salute e della Scienza di Torino e coordinatore del Gruppo italiano Malattie del Motoneurone della SIN, Società Italiana di Neurologia, commenta così i risultati: “Lo studio della Brainstorm, molto atteso dai pazienti e dalla comunità scientifica e dei clinici, ha purtroppo dimostrato che il protocollo NurOwn non è efficace nel rallentare il peggioramento funzionale nei pazienti affetti da SLA trattati rispetto al gruppo di pazienti sottoposti al placebo. Siamo di fronte ad un risultato negativo, ma nè i pazienti nè i ricercatori e tutti coloro che si prendono cura di loro si devono demoralizzare; andiamo avanti con ancor più forza e speranza. Sono infatti numerosi gli studi in corso e molti stanno per partire in ogni parte del mondo, con una grande partecipazione dei centri italiani“-

A questo link il comunicato ricevuto da Scientific Advisory Council (SAC) dell’International Alliance of MND Associations

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta <a href="https://www.aisla.it/cookie-policy/">questa pagina</a>.</p><p style="margin-top:-5px;">Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina.

Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi